Review: Garmin Fenix 3

Ed è arrivato il momento di recensire il mio nuovo gioiellino 🙂 D’altronde quando una è esaurita/depressa/triste,cosa può fare?? SHOPPING. Soprattutto se è per la “giusta causa” della corsa. E così, complice l’uscita del fratello maggiore, Fenix 5, su Amazon ho trovato il 3 in offerta e non me lo sono fatto scappare. All’inizio volevo prendere il Suunto Spartan, ma confrontando i vari modelli (Sport e Ultra) e i prezzi (vertiginosi!), ho pensato di tornare a Garmin, il mio primo amore.

garmin_soq

E ho deciso di fare un upgrade, dal mio Suunto Ambit3 Sport, passando appunto al Fenix 3. Partiamo dall’estetica: all’inizio non è che mi piacesse poi molto, devo essere sincera. Il nero/grigio è molto maschile, e all’inizio mi pareva molto più grosso dell’Ambit. In realtà non è così. Su Instagram ho un sacco di runners donne che seguo che hanno sia il modello normale, che il Sapphire rosa e bianco, e non è poi così maschile in realtà. Poi si può comunque personalizzare, cambiando il cinturino. Inoltre, guardando agli ingombri e al peso, il Fenix è più leggero dell’Ambit e lo spessore pure è decisamente minore. Io infatti mi preoccupavo molto all’idea di indossarlo tutti i giorni, anche di notte, perché finché si tratta di braccialettini di stoffa ok, ma se devo dormire con un “pataccone” le cose cambiano. E invece, mi sono dovuta ricredere anche su questa cosa. Messo il Fenix, mi sono abituata subito e ci ho dormito senza problemi.

img_2798
Da http://www.roadtotrailrun.com

Veniamo invece alle sue molteplici funzioni e personalizzazioni! Ho avuto solo un momento in cui non capivo come mai, dopo la sincronizzazione, il Fenix di fatto tornasse sempre alla lingua inglese. Semplicemente: una volta collegato tramite computer a Garmin Express, ho aperto le impostazioni su Garmin Connect dal browser internet e ho scoperto che erano impostate le miglia e la lingua inglese come lingua base! Ho cambiato subito tutto, e da allora si sincronizza e resta in italiano 🙂 Come tutte le cose bisognava prenderci la mano!

Corsa- Fix dei satelliti velocissimo, completa personalizzazione delle schermate dati e, come per tutti i Garmin mostra i vari record ( corsa più lunga, km più veloce, ecc..) Inoltre, grazie alla fascia cardio da corsa, misura l’ampiezza della falcata, l’oscillazione verticale, con che percentuale impattiamo al suolo coi piedi…e devo dire che sono quasi perfetta! Mi segna tipo 49,6% sul destro e 50,4% sul sinistro! Manca solo di provarlo con un allenamento impostato da me, ma questo prossimamente, quando la neve si sarà sciolta, perché ora come ora non c’é un posto piatto e sgombro da neve/fango dove fare le ripetute…

Nuoto- Basta impostare la lunghezza della piscina e poi fa tutto lui. La prima volta in piscina, lo stoppavo  ogni volta che mi fermavo per riposare (memore dell’Ambit3). Poi ho notato, e alla fine dell’allenamento, mi calcolava il tempo in cui nuotavo e il tempo in cui stavo ferma. La volta successiva, non l’ho mai fermato, e infatti, alla fine dell’allenamento, c’era l’indicazione del tempo in movimento e il tempo ferma…cavoli, che intelligente!

Devo ancora provarlo quando vado con lo snowboard (se mai potrò di nuovo usarlo! Ma lì, è un’altra storia…) perché ho letto che capisce quando si prendono gli impianti di risalita e quando si scende per pista (wow!).

Activity tracker- A differenza del Vivofit2 che avevo, dove bisognava, quando si andava a dormire, metterlo in modalità “sleep”, in questo caso il Fenix fa tutto da solo. Come sente che stiamo dormendo, va in modalità sonno e rileva la nostra attività notturna. Durante il giorno indica i passi fatti, i piani saliti, le calorie attive, passive e quelle bruciate.

Infine, nota positiva per la fascia cardio HR Run, che, a differenza di quella che avevo col primo Garmin, non è abrasiva, anzi! Assomiglia moltissimo a quella Suunto. Io per precauzione metto comunque un po’ di vaselina dove so che mi può far male… 😉

garmin-fenix-3-hr-multisport-gps-watch-hrm-run-4-bundle-600x600
Da http://www.readysetgofitness.co.au

Insomma, dopo queste 2 settimane di utilizzo sono molto contenta. La batteria è duratura (di più di quella dell’Ambit), si può personalizzare un sacco, cambiando non solo il cinturino, ma tutto, anche quella che Garmin chiama “watchface”, ovvero il quadrante dell’orologio.  Ho sentito buone recensioni dei possessori di questo piccolo gioiellino, e anche io posso dire che lo promuovo a pieni voti e ho fatto un buon upgrade! 😉

IMG_0543

Annunci

2 commenti

  1. Confermo ottima scelta Marta. Anche per l’outdoor in generale è molto valido, trail o semplice escursionismo. Io mi trovo molto bene anche se avendo il polso molto piccolo lo trovo un pelo ingombrante. Ma tant’è per quello che offre va benissimo.

    Liked by 1 persona

    • Anche io ho il polso sottile, però, parlando dal solo punto di vista estetico, mi sta meglio che il Suunto, troppo spesso…
      Grazie anche per il tuo feedback, sei il terzo che conosco che lo usa e ne parla bene 🙂

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...