Valencia- Giorno 2

Il giorno della vigilia della gara! E visto che il giorno prima ci eravamo distrutti dal gran che abbiamo camminato, abbiamo deciso di prendercela con più calma e usare i mezzi. Bocciata la metro, che non collega tutte le parti della città. Mentre i bus sono fantastici, ci sono tante linee e sono tutte puntuali ed efficienti. Infatti, decidiamo di andare all’oceanario subito. Ci arriviamo col bus, che ferma praticamente davanti 🙂 E alle 10:30 siamo dentro. In effetti, è vero che ci vogliono tante ore per visitarlo, perché è gigantesco! Noi avevamo già visto quello di Lisbona, e siccome questo è gemellato, eravamo curiosi di vederlo.

Le foche ci hanno accolto subito con le loro facce buffe 🙂 Poi siamo passati alle vasche sotterranee, con pesci tropicali, squali, e gli abitanti dei mari freddi. Le meduse come sempre mi hanno affascinato, sono bellissime, e mi trasmettono calma. Le trovo creature davvero strane e meravigliose!

Poi, siamo passati nei tunnel in mezzo agli acquari. Con tutti i pesci che ti passavano intorno, erano davvero belli e scenici. I bambini presenti erano impazziti a vedere tutti quei pesci insieme. E anche noi siamo tornati un po’ bambini passandoci attraverso.

E poi ho visto i trichechi!! Era la prima volta in vita mia, ero così emozionata!! Sono enormi, mi hanno fatto una gran impressione. In senso positivo ovviamente. Oltre a quelli abbiamo visto i delfini. Io al delfinario non ci volevo andare, perché in realtà mi fanno un po’ tristezza e poi sono sensibile….Ma tutti gli altri volevano andarci, e siccome lo spettacolo era compreso col biglietto, abbiamo assistito allo show. Per fortuna, non è stato niente di traumatico, mi sembrava che anche i delfini, dopo tutto, facessero gli esercizi tranquillamente. Erano per lo più salti, sbattimenti di pinne e ci hanno fatto sentire il loro verso. Mi è piaciuto, e mi sono anche emozionata! Sono sensibile, cosa vuoi farci?!

Playa Alboraya

Dopo si era decisamente fatta ora di pranzo, ma tanto a Valencia certi ristoranti non aprono prima delle 13, quindi più tardi si va e meglio é.

Consigliati dal ragazzo della reception, siamo andati a Playa Alboraya al ristorante Casa Navarro, a mangiare paella. Perché, ci ha spiegato il ragazzo, quella si mangia solo a mezzogiorno. Se la si mangia di sera, significa che è riscaldata. Consigli buoni perché abbiamo mangiato sulla spiaggia, al sole, godendocela proprio. E che dire del cibo??

Io e la Jo siamo agguerrite! (e affamate!)
#LoZio e Sarah pronti all’azione!

Le foto parlano da sole direi! Quella “piccola” padella era per 3…non male eh?! Direi che abbiamo fatto il carico per la gara del giorno dopo. Pronte a mangiarci anche i 21 km!

E dopo il grande pranzo, che fra una cosa e l’altra ci ha tenuto a tavola fino alle 15:45…abbiamo fatto due passi due in centro. Fra l’altro alle 16 tutti i ristoranti erano pieni di gente che pranzava. Ambé! Mica male sti orari spagnoli! Comunque, la spiaggia era molto carina, un po’ ventosa, ma piacevole per una breve passeggiata.

Playa Alboraya

Dopo, appunto, altro giro in centro così, all’avventura, dove ci ispirava di più andavamo. Così abbiamo esplorato il bel centro storico. Gran scorci carini, davvero, uno meglio dell’altro.

Banco do Valencia
Plaza del Ajuntamiento (il parlamento)
Il palazzo delle poste

Invece di tornare in hotel, fare la doccia e uscire, quindi cenare troppo tardi, abbiamo optato per restare in centro. Siamo tornati alla Taverna de la Reina per le tapas. Io e Sarah avevamo famissima, a me girava persino la testa. In 6 a volte è difficile decidere cosa mangiare e dove, e le decisioni si protraggono all’infinito. Comunque a stomaco pieno è andata decisamente meglio. Fra una cosa e l’altra siamo tornati in hotel in orario più che decente, pronte a dormire e riposare per il giorno dopo.

Lonja de la Seda
Annunci

11 commenti

  1. leggere (e vedere!) di paella e tapas a quest’ora può portare a visioni mistiche!
    slurp!
    Valencia mi ispira sempre più, va a finire che ci andremo! grazie per il bel reportage!

    Mi piace

  2. Adoro i resoconti di viaggio poi se sono accompagnati anche da belle foto è il massimo. Ho visitato l’oceanarium di LIsbona quindi immagino la tua sorpresa ed emozione nel vederlo. E poi diciamo la verità ogni passo di questo viaggio era finalizzato alla gara e quindi vai con il carico di carboidrati… GRANDE!
    Grazie di averci fatti partecipi di questa tua avventura 😉

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...