Giorno 4- Da Kuala Lumpur a Pulau Ketam

Penultimo giorno a Kuala Lumpur per noi, e ultimo giorno per Sabin e Jasmine. Per concludere la nostra mini-vacanza insieme-per-caso, abbiamo deciso di uscire dalla città. Su internet avevo letto di questa isoletta di pescatori e palafitte, non molto lontano da KL. Abbiamo preso il treno, quello per le Batu Caves, ma siamo andati al capolinea dall’altra parte, e siamo arrivati diretti sul mare. Siccome volevamo capirci di più, usciti dalla stazione, abbiamo girato a sinistra e proseguito sulla strada senza incontrare un’indicazione, o un negozio, il nulla. Ad un certo punto un po’ di vita, un baretto e qualche negozio, e gente che ci fissava tipo alieni. Troviamo un hotel e Jas entra dentro a chiedere informazioni, nel mentre fuori si forma un capannello di curiosi. Scopriamo che in quel posto non c’é niente per i turisti, che è un porto da camion e container, che forse di “bianchi” come noi non ne hanno quasi mai visti, e che dobbiamo tornare verso la stazione per andare al porto e trovare il molo con la barchetta per l’isola. E rimettiamoci in marcia.
Tornati al porto, abbiamo chiesto in giro dove fosse il molo per Pulau Ketam, e fra un container e l’altro, lo abbiamo trovato. In 40 minuti neanche di barca, siamo arrivati sull’isola.
Perché il granchio? Perché l’isola è famosa per i pescatori di granchi! Ci sono ristoranti che cucinano solo quelli, pensa te… e quindi, mettiamoci un bel granchietto a dire ciao a chi sbarca. Al molo si possono anche noleggiare le bici, ma noi decidiamo di andare a piedi, meglio così! L’isola è su palafitte e le vie sono strettissime, io con la bici mi sarei sicuramente ammazzata.
E’ un caldo che si muore, ma siamo arrivati sull’isola proprio sul mezzogiorno (geniali no?), quindi ci limitiamo ad un giro piuttosto veloce, anche perché sia io che Jasmine siamo abbastanza stanche per colpa del caldo. Le case sono molto carine, tutte piccole colorate, e un signore tipo cinese inizia a dirci cose, noi annuiamo e ce ne andiamo….mah!? Abbiamo fatto conquiste!
Alla fine ci viene una fame pazzesca e decidiamo di cercare un posto dove mangiare. Troviamo due ristoranti che ci ispirano, ma alla fine ha la meglio uno dove ci fanno un’offerta migliore e ci portano una montagna di pesce (granchi, gamberoni e un pesce intero, con riso alle verdure) per tipo €10 a testa. Tè cinese incluso.
La grande abbuffata! Io non vado matta per i granchi, ma qui li cucinano benissimo e finiamo di mangiare che siamo belli pieni.
Torniamo al molo, riprendiamo la barca e poi il treno (con aria condizionata a -20°C) per Kuala Lumpur. Non paghi del viaggetto, ci siamo fatti una bella birra al Reggae Bar, sempre in zona Chinatown, poi doccia e via per la cena. Siccome Sabin e Jas non avevano ancora visto le Petronas, e noi volevamo vederle di notte, siamo andati prima lì. Spettacolari! Più di notte che di giorno!!
E fine della giornata. Abbiamo mangiato un panino da Subway, perché Jasmine a Bali era in astinenza da non so quanti mesi, e quindi l’abbiamo accontentata. Il giorno dopo loro partivano per la Thailandia, mentre noi ce lo siamo preso come giornata shopping e relax…
Annunci

Un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...