Deejay Ten n° 3

E così domenica scorsa ho preso il treno con mia mamma e mia zia per partecipare alla mia terza Deejay Ten fiorentina! Sì, sempre con la famiglia, visto che non le vedo mai, almeno facciamo qualcosa insieme….anche se in realtà questa volta loro hanno fatto più le turiste perché io ero impegnata a partecipare al meeting Runlovers e Cuoricini Group in Piazza Santa Croce 🙂

18425419_10212595992075832_5270997917770257914_n

Che divertente che è stato!! Ho conosciuto dal vivo tante facce amiche su Facebook, e come diceva il Mannucci, non siamo stati più figurine (bidimensionali) ma persone in carne e ossa abbracciabili e baciabili (questo lo aggiungo io). Mi sono divertita un sacco! E poi ho conosciuto la mitica Giulia 🙂

18423074_10211274273286158_3861810630323301918_o

Io la Giulia la conosco penso da 7 anni, da quando si collezionava Blythe (bambole), ma non ci siamo mai beccate in nessun meeting. Ci voleva la corsa per farci incontrare e amare! Adoro, giuro, dal vivo anche meglio (OVVIO)!!! E’ fortissima e sono davvero contenta di aver passato almeno parte della giornata in sua compagnia, inclusa la partenza della corsa, sotto al sole cocente squaglioso di Firenze…

18485892_10212595992315838_6592195859050285551_n

Dopo, ognuna alla sua velocità. Io, un po’ per colpa del caldo e dei vari ingorghi causa troppa gente, non ho fatto il nuovo PB a cui puntavo. Sono arrivata per una manciata di secondi a poco dal mio PB sui 10k. Bene lo stesso, contando che un cretino correndo mi ha investito quasi facendomi cadere per terra e non si è neanche scusato….Odio queste cose. Mi dispiace dirlo ma questo tipo di corsa, che dovrebbe essere una gioia diciamo visto che non è competitiva, mette insieme gente che non sa cosa vuol dire essere civili mentre si corre. – fine della polemica, sorry!-

Grazie alla mamma e zia reporter ho una foto decente in corsa, mentre guardo per terra per non ammazzarmi sui pietroni del Ponte Vecchio, ma anche una foto di Linus in bici 🙂 Dopo poi ho 3000 foto a pranzo col Cuoricini Group, tutti toscani, troppo divertenti! Ci siamo sbellicate dalle risate e alla fine avevo le guance in fiamme dal gran ridere.

18449295_10211274921742369_7796177565923971601_o

Purtroppo abbiamo dovuto mangiare molto velocemente perché il servizio è stato mooooolto lento e ci siamo ridotte a ingurgitare il pranzo per poter andare a prendere il treno…che peccato! A parte questo, è stata una gran bella giornata 🙂

18424137_10212595994275887_5796788997911175701_n

Sono ancora qui!

..solo che sono stata una settimana a Bologna, a trovare la mia famiglia e a casa, devo ammetterlo, ci sono stata pochissimo! Quindi, non ho avuto assolutamente modo di aggiornare il blog. Onestamente, non ne avevo manco la voglia…ahahah!

65ca949c0640908bb2be5440681af901

Da Pinterest.com

Sono state giornate concitate, fatte di cene con gli amici, shopping veloci, sorrisi, primi caldi e chiacchierate da aver la gola secca. Sono queste le cose che piacciono a me. Da adesso in avanti non avrò più tempo per tornare dai miei, quindi ho cercato prendere quello che c’era nel miglior modo possibile.

18425339_10212603775030401_5548462086792528976_n

Ho corso per due volte in mezzo alle vigne. La seconda volta facendo un bel collinare panoramico, verso la pianura. C’era un caldo atomico, ma la vista si riempiva di colori e contrasti stupendi, ne è valsa certamente la pena.

IMG_1136

Piazza della Mercanzia

Ciao Bologna, ti ho visto un po’ di fretta questa volta ma tu sei comunque nel mio cuore. Ecco qui uno dei miei scorci preferiti,  sotto le Due Torri. Ci passo spesso, e tutte le volte devo fare almeno una foto, è più forte di me!!

Infine, ho concluso questa settimana a tutto gas, nel migliore dei modi che potessi pensare: facendomi un tatuaggio, anzi due. In realtà, ho solo ultimato quello che avrei dovuto dopo la maratona a Venezia. Mi sono fatta tatuare un piccolo 26.2 sulla caviglia sinistra che guarda il piccolo 13.1 sulla caviglia destra… 🙂 E poi il mio braccio destro necessitava di un po’ di colore, è primavera in fin dei conti!

 

La mia terza Wings for Life World Run!

E anche quest’anno sono andata a Milano per correre per chi non può! Ho corso nuovamente, e lo dico con orgoglio, la Wings for Life World Run! Faccio un riassunto veloce per chi non sapesse di cosa si tratta. Ogni anno, la RedBull organizza una corsa globale che ha luogo lo stesso giorno alla stessa ora in varie città del mondo, per raccogliere fondi per la ricerca contro le lesioni spinali. E quest’anno, il campione globale è stato proprio un ragazzo in sedia a rotelle che ha percorso ben 92,14 km! Quest’anno però ho preso parte da sola alla gara, perché la mie amica di corsa sono diventate mamme da poco. Però, una di loro mi ha ospitato, così per un giorno ci siamo raccontate un bel po’ di cose! Purtroppo domenica mattina il tempo su Milano non era granché: pioggia e vento al Castello Sforzesco, da dove siamo partiti. Non sapevo come gestire i vari strati, ma alla fine ho optato per t-shirt e maglia tecnica leggera della Dynafit, che poi ho tolto dopo 5 km, quando mi sono scaldata. Per fortuna ha smesso di piovere e la temperatura era abbastanza buona.

18274855_10212526273812919_7031139900373814947_n

Non sono riuscita a partire dalla griglia 2, ma dalla 4, perché, come al solito, sono arrivata un po’ tardi. Ma questo mi ha permesso di incontrare qualche Runlovers! In mezzo a tutta quella gente! Pazzesco… E comunque, giusto il tempo di dirsi due cose e siamo partiti, che emozione! Io mi sentivo bene, tranquilla, e mi sono detta “Ok, fino a 10 km non ci sono problemi, arriva anche a 15 km e poi vedi come stai”. E io ai 15km sono arrivata che stavo anche bene, così ho proseguito, pesando che avrei avuto più o meno la catcher car alle calcagna. Ho anche superato Giovanni di Aldo, Giovanni e Giacomo! Che partecipa sempre a questa gara, bravissimo! Insomma, alla fine sono arrivata al 20° e lì mi sono dovuta fermare, perché non avevo dato il certificato medico (richiesto per correre più di 20 km), anche perché non pensavo di andare oltre. E poi tempo 2 minuti, è arrivata la catcher car che ci ha acchiappato tutti 😄 Ma che gran soddisfazione!

18222279_10212526274212929_8963826794037393760_n

La foto me l’ha fatta una signora che non aveva la mano molto ferma! 😄

18301218_10212526275092951_1857658827222756332_n

E quest’anno ci hanno anche dato la medaglia!! (direi anche finalmente, perché di 3 gare disputate fino adesso, solo questa aveva una medaglia…uffaaaa) Sono stata molto contenta. Ho visto tante persone in carrozzina, fra cui un babbo col bimbo a seguito che pedalava in bici. Tutta favolosi! Non vedo l’ora di poterla correre di nuovo l’anno prossimo!

Amarathon Easy

E così il 30 aprile io e il mio compagno siamo finiti dal Lago di Garda alla Valpolicella, perché io l’1 maggio, insieme alla mia carissima amica Liliana, ho preso parte alla Amarathon Easy, una bella corsa panoramica in mezzo alle vigne.

18198517_10212467726069262_3556393323554069685_n

La corsa mi è piaciuta molto, è stata varia, per certi versi simile alla Trentatrentina, perché invece di passare nei meleti, siamo passate nelle vigne. Il percorso della 21 km e della 14 km (quella che abbiamo corso noi) ogni tanto combacia e ogni tanto si interseca. I paesaggi che si alternano fra vigne, ville venete stupende e colline, rendono questa gara veramente piacevole e varia. Il percorso è costituito da asfalto e sterrato, da diversi strappi e una salitina, che per me è stata puro divertimento.

Ho fatto molto volentieri da pacer alla Liliana, perché lei ancora non aveva corso così tanto quest’anno e diceva di non essere abbastanza allenata. Macché! Se l’é cavata alla grande! Abbiamo sempre fatto le chiacchiere, eravamo molto da “tè e biscotti”, molto easy, come la Amarathon! E poi anche perché la sera prima ci abbiamo dato dentro coi bicchierini alla sagra del vino della Valpolicella, e il cibo gustoso che abbiamo consumato in osteria…che atlete eh??!

Aprirei poi una parentesi per l’albergo, prenotato su Booking. Una comica unica! Intanto quando siamo arrivati, sembrava di entrare in un ristorante e fuori c’erano tutti i vecchietti di paese che giocavano a carte e bevevano vino (ovviamente). Poi, per carità, la stanza era dignitosa, nuova, senza troppi fronzoli. Peccato che poi di notte non abbia chiuso occhio per colpa del vicino che russava così tanto che trapanava il muro. Mentre, finalmente, ho preso sonno, il mio compagno mi ha detto che è arrivata una coi tacchi a spillo che è andata avanti e indietro fuori nel corridoio e ha pure bussato alla nostra camera! Lui non ha aperto…Invece al mattino, scendiamo alle 8 per fare colazione e troviamo una ragazza che ci guarda strano mentre chiediamo della colazione e ci fa “Un attimo che le brioche sono quasi pronte”. C’erano solo quelle. E un cappuccino. Come al bar appunto 😄 Tragicomico….quando poi il mio compagno si stava lavando i denti ed è andata via l’acqua! Così sono andata di sotto per dirlo alla ragazza e l’ho trovata sotto assalto da quelli della gara: chi andava in bagno, chi voleva caffè o brioche…insomma un casino! E lei disperata col telefono in mano che chiamava il titolare. La disorganizzazione proprio. Io l’ho presa in ridere, che altro potevo fare? Non so che recensione lasciare su Booking però 😄

18198451_10212461287788309_1915299413734979403_n

Meglio averci bevuto su!

Ciao maggio!

Oggi è il 1º maggio! Diciamo che di maggio c'è forse poco, visto che guardo fuori dalla finestra e piove a dirotto, mentre si capisce bene che in alto sta nevicando, e ho il termosifone acceso.
In realtà però sono appena salita dalla pianura/collina, e dal lago, se contiamo gli ultimi giorni. Non mi posso lamentare! Questo maggio è cominciato con un weekend fuori, prima al Garda, poi in Valpolicella per correre oggi una garetta davvero carina, che si svolge appunto fra i vigneti. Cominciassero tutti in questo modo i mesi, ci metterei la firma! Prendiamolo come un buon segno per la corsa, vista come è andata la giornata…di cui seguirà molto presto un post dedicato.
Per le prossime due domeniche mi attendono altrettante corse.
Sono positiva, mi sento di esserlo, e ho voglia di accogliere maggio a braccia aperte. Se solo il tempo fosse più clemente…ma non si può avere tutto mi sa! 😀
 

La merenda del runner (?)

O forse il mio tipo di merenda, post corsa, ma a volte anche non necessariamente dopo una corsa, semplicemente quando ne ho voglia e My Fitness Pal me lo consente 😄 Perché onestamente ho pensato che si può fare merenda con prodotti buoni, non necessariamente fatti in casa, ma che ugualmente soddisfano e sono genuini. Basta scegliere con cura. E oggi voglio parlare di alcune delle mie merende tipo (che vi interesserà sicuramente taaaaaantissimo 😄 ) . Partiamo da un classico per me: lo yogurt. Io mi ritengo fortunata, perché qui c’é la Mila, che ho sempre adorato, ed essendo di Bolzano, ci arrivano un sacco di prodotti gustosi. Amo i loro yogurt, che infatti scelgo sempre per la colazione con granola (che qui in Italia chiamiamo muesli croccante ma vabbè…sorvoliamo). Io lo prendo tassativamente senza zucchero e della linea light “Benessere Zero Grassi”. Della stessa linea ho provato, come merenda, anche altri gusti, fra cui zenzero e tè verde. Poi Mila fa anche degli yogurt stagionali, buonissimi! In inverno il mio preferito è quello allo zenzero e arancia, mentre in estate c’é quello ai fiori di sambuco che A-DO-RO! Fra i gusti che si trovano tutto l’anno (spero) da questo inverno è stato introdotto avena e noci, una roba squisita che mi sarei mangiata a kg…ahahah!

Per quanto riguarda invece cose che non si tengono in frigo, ma basta mettere in borsa, io amo le barrette di semi. Ci sono un paio di posti qui che le fanno artigianalmente, e ogni tanto, in estate, le prendo. Altrimenti, ho trovato da Eat-Italy le barrette di Taste of Nature. Si trovano anche da NaturaSì, oppure online da Macrolibrarsi (dove le ho prese io l’ultima volta). Sono totalmente naturali, canadesi, senza OGM e glutine. Hanno un sacco di gusti strepitosi a soli 190Kcal a barretta.

taste-of-nature

Da ilgiardinodeilibri.it

Per rimanere sempre in tema semini, è da un anno a questa parte che quando vado in Austria, all’Interspar (per chi non conoscesse, fa parte della catena Despar e Eurospar), prendo dei dischetti di semi tipo barretta ma più sottili. Galeotta fu la mia collega del camping, quando me ne portò un sacchetto…aiuto, questi vanno giù come le ciliegie. Ci sono diversi gusti, e io di solito prendo quelli al sesamo e quelli con l’uvetta, e mediamente contengono 39Kcal a dischetto. Ecco però non so se in Italia si trovano o se si trova qualcosa di simile…

dt_zoom

Da interspar.at

Infine, per quanto riguarda le “merendine” io di solito mangio, quando le trovo, ovvero quando vado nelle grandi città, le crostatine integrali Germinal Bio. Le mie preferite sono quelle ai frutti di bosco, che contengono circa 200Kcal a crostatina. Ma ho provato anche quelle al mirtillo, che invece sono fatte con farina di farro. Deliziose!

s_1

Dal sito Germinal Bio

Mi vien da ridere a pensare che adesso mangio queste cose, quando, negli anni 80-90 sono cresciuta a Tegolino e Soldino del Mulino Bianco (chi se li ricorda??) che sicuramente erano buoni ma forse non proprio sani 😄 E’ vero che crescendo cambiano i propri gusti!

La Ponale Mountain Running

Ieri si è svolta la prima edizione de La Ponale Mountain Running con partenza da Riva del Garda e arrivo al Lago di Ledro. Io mi sono iscritta a dicembre pensando che tanto, in un modo o nell’altro qualcosa avrei combinato, visto che i turni in albergo quanto meno mi consentivano di andare a correre di pomeriggio.

logo-banner-laponale

Diciamo la verità: non mi sono allenata chissà che in salita, che pirla. Avrei potuto, forse, fare meglio, ma sono comunque contenta del mio risultato! Intanto comincio a dire che mi sono divertita, nonostante l’acqua che mi sono presa….Eh sì perché io e il mio ragazzo siamo arrivati al lago il 24 pomeriggio, e il tempo non era granché. Poi guardando il meteo si vedeva proprio che il giorno dopo sarebbe piovuto e così è stato. Ci siamo svegliati ieri che già pioveva, andava a momenti: più forte, più sottile e poi, alla partenza alle 9:30, ha pure smesso! Io mi sono scaldata un pochino, ho fatto stretching, mi sono tolta l’antipioggia ma me la sono legata in vita perché “non si sa mai”. Countdown e via che si parte!!

17991859_10212411078333104_8367136380449501803_n

Siamo partiti dalla piazza centrale di Riva del Garda e abbiamo subito attaccato La Ponale, una bella strada panoramica a strapiombo sul lago, che è da mò che volevo fare…e finalmente sono stata esaudita! Davvero bella, peccato per il panorama perché c’erano le nuvole basse e non si vedeva granché del lago. Ovviamente la pioggia ha incominciato a ricadere, prima sottile, e poi bella forte nel momento più impervio della salita. I volontari sono stati tanto carini, e in un punto particolarmente hanno urlato a tutti di stare attenti perché i sassi erano diventati scivolosi….Dopo quella salita, abbiamo continuato ad andare su e su…per sentieri, per strade normali e sterrati vari. Il percorso era in certi punti molto simile a dove corro di solito. Abbiamo attraversato diversi paesini dove c’era sempre qualcuno a farci il tifo. Ad un certo punto, al culmine di una salita, c’era una fotografa che ci incitava. Stavamo tutti camminando in quel tratto, e non appena abbiamo visto che ci faceva le foto, ci siamo rimessi a correre un attimo, e io ho messo le mani a formare un cuore e lei mi ha fatto un gran sorriso e mi deve aver detto qualcosa del tipo “cara!!” e la mia risposta è stata: “Cosa non si fa per una foto!” E in effetti…ahahahah! Adesso aspetto che escano le foto di questa gara. Intanto mi godo i ricordi freschi…e fradici 😄

18119244_10212411078733114_7060093460174864689_n

18057951_10212411079013121_143659979998761716_n

E poi, inaspettatamente, ho visto la classifica e sono arrivata 5° di categoria!! 🙂

Ho inaugurato le mie gare del 2017 con la pioggia ma direi che mi ha portato fortuna!

Torta alla ricotta e cioccolato

Come sempre, mi lascio liberamente influenzare da Giallo Zafferano…ormai il mio punto di riferimento per le ricette! E questa, se si vuole, può aiutare a riciclare un po’ le uova di Pasqua, ma quelle al cioccolato fondente!

Ingredienti

3 uova

250g di farina 1

100ml di olio di semi (oppure 40g di burro da sciogliere a fuoco lento)

175g di zucchero semolato

250g di ricotta

80g di cioccolato fondente

50ml di latte di riso (o del tipo di latte che si preferisce)

1/2 bustina di lievito

1 cucchiaino di bicarbonato

Per prima cosa, separo i tuorli dagli albumi, che monto a neve ferma. Aggiungo lo zucchero ai tuorli e li monto con le fruste. Man mano aggiungo tutti gli altri ingredienti (tranne il cioccolato), lasciando per ultimi i tuorli montati. Incorporo i tuorli mescolando con una spatola dal basso verso l’alto in modo che non si smontino. Metto il composto nella teglia, e poi prendo il cioccolato e lo taglio grossolanamente col coltello. Cospargo la superficie della torta col cioccolato, premendolo leggermente nell’impasto. A questo punto, inforno a 180°C per 30 minuti. Alla fine, sembra un cookie gigante vista dall’alto ma giuro che è buona 😄

Qualcosa su di me

April set

 

What am I wearing now?- Il piumino. Il piu-mi-no. Giuro. Ci sono 5°C di giorno, zero termico sui 1400m…aiuto! Primavera dove sei che faccio la voglia delle ballerine, della giacca leggera (piumino bastaaaaa) e degli occhiali da sole? Ho volutamente omesso il cappellino di lana leggera e la sciarpa che indosso costantemente…no comment!
Books- Sto leggendo un libro bellissimo: “I Love Tokyo” scritto a quattro mani da La Pina e suo marito Emiliano. Li amo! O meglio, amo La Pina ancora di più! Bellissima guida semi seria di Tokyo, solo per veri Japan lovers 😄
Music- In questo momento c’é solo una canzone che canto in loop: Coldplay e The Chainsmokers- Something just like this. Adoro!
TV- Ho una voglia matta di andare al cinema ma -ahimé- devo farmi un’ora di macchina per raggiungere il più vicino, quindi…niente, mi consolo con quello che trovo in tv o qualche dvd. Recente acquisizione, il dvd di Ghost in Shell, il primo, il supremo, diretto da Mamoru Oshii….che avevo la vhs e penso di averlo consumato a furia di vederlo. Mi ricordo ancora alcune battute, peccato che, nella versione rimasterizzata abbiano cambiato i dialoghi rendendoli il più fedeli possibili alla versione giapponese (quindi devo impararli di nuovo ahahah!). Ma la Motoko, resta sempre la migliore 🙂
Wishing- Stare bene. Fine. Che qui fra raffreddore, mal di gola, bandelletta, caviglia, mi sembro un lazzaretto ambulante. Stop dolori! Che mica ho 80 anni, anche se ogni tanto me li sento LOL
Project of the month- Allungare le corse, e approdare al mese di gare che ho in programma. Quindi devo stare bene, non solo fisicamente ma anche mentalmente. Perché ultimamente anche la mente mi fa degli scherzi. Quindi voglio ritrovare la serenità giusta per affrontare le prossime sfide!

Sventure di corsa

Oggi volevo andare a correre. Volevo appunto. Perché qui ci si è messo pure il tempo ad ostacolarmi….temperature crollate a picco, a quando parlo di picco intendo SOTTOZERO di notte e poco sopra lo zero di giorno. Oggi c’é un vento atomico, che porta via, una violenza incredibile, e infatti per strada ci sono cose che rotolano. Prima, appunto, ho visto un sottovaso che se ne andava allegramente. I gatti non stanno neanche in terrazza dalla paura, e davanti a me c’é un pezzo del tetto di lamiera dei vicini che si sta staccando…ho un po’ paura! Come si fa a correre in queste condizioni, rischiando di essere portati via e quando la temperatura percepita è tipo -10°C???! Manco a marzo faceva così freddo. Io però la mia corsa lunga sono riuscita a farla domenica: 14km messi in saccoccia. Ho scelto un percorso a me congeniale, inserendo però dei pezzi di trail con svariati sali e scendi, radici, prato, rocce e ovviamente neve e fango…che divertente! Io ci sguazzo in ste cose 🙂

IMG_0762

Così il mio pranzo di Pasqua è andato giù più agevolmente. Eravamo solo in 3, ho fatto una piccola grigliata e panna cotta come dolce. Non siamo abituati a mangiare tanto, e già quello per noi è stato fin troppo 😄 Però senza colpe, tanto abbiamo tutti bruciato: il mio compagno è andato su al Passo Pordoi in bici e suo cugino a piedi in Val Duron…come siamo stati atletici!

17992263_10212343616406598_7063760906328155120_n

Ecco, poi è cambiato il tempo e mi è peggiorato il raffreddore. Infatti domenica mi sono dovuta fermare 2 volte a soffiare il naso che ero praticamente in apnea. Quindi mi sono detta che mi dovevo curare, poi ci si è messo anche il tempo- tante grazie! Adesso c’é il sole, o meglio nuvole che si alternano al sole con una velocità pazzesca, visto il vento. Ma domani è un altro giorno, mi arrivano le Nike nuove per correre su strada e vado a Innsbruck a fare un giro col mio compagno… 🙂 Un modo per rimediare si trova!